Indice Beauty Blog


Articoli più recenti



Bisogno di Aiuto?

Follow Us

Siamo presenti su:



Condividi con:




TellafriendSegnala www.fashionpu.com
ad un tuo amico


addfavoriteAggiungi www.fashionpu.com
ai preferiti

Valid css Valid xhtml

Conoscere la formulazione di un cosmetico

Indice:
Da cosa è composto un prodotto cosmetico
La scelta di un BIO Cosmeceutico

Da cosa è composto un cosmetico

Un prodotto cosmetico, che sia in crema, gel o emulsione, è composto da: eccipienti, principi attivi e additivi.

ECCIPIENTE:

 sostanza che permette la penetrazione del principio attivo nell'epidermide. Dal tipo di eccipiente dipende la qualità e l'efficacia di un prodotto: deve rispettare la pelle e prevenire eventuali allergie.

L'origine di un eccipiente può provenire da:

  • OLI MINERALI o derivati del petrolio: a basso costo e lavorati dall'industria cosmetica, questi oli però sono nocivi e impediscono alla pelle di respirare. In taluni soggetti predisposti crea allergie e infiammazioni (p.e. paraffina e cera depilatoria).

  • OLI SILICONICI o derivati del silicone: interamente sintetici ma meno dannosi degli oli minerali, non sono biodegradabili e risultano nocivi per l'ambiente, pertanto, indirettamente, nocivi per noi.

  • OLI VEGETALI o derivati dai grassi vegetali e della frutta: sono i migliori, più pregiati e simili ai nostri stessi acidi grassi, pertanto meglio assorbiti e di maggior efficacia.

PRINCIPIO ATTIVO:

dal nome si comprende come sia responsabile dell'efficacia di un prodotto: l'acido ialuronico, lo zinco, l'elastina, il collagene, le vitamine, ecc.

ADDITIVO:

colora, profuma, emulsiona e conserva il prodotto.

La differenza tra un 'cosmetico normale' e un 'cosmeceutico bio' sta nella qualità degli eccipienti e nella quantità di principi attivi: un cosmeceutico bio contiene fino al 30% di principi attivi contro l'1% di un cosmetico normale.
Per questo motivo, non si può dar credito tout court ai prodotti sponsorizzati dai media ma bisogna saper leggere gli INCI (lista degli ingredienti trascritta per legge dietro ogni prodotto).

 

Fashion PUPerché scegliere un BIO Cosmeceutico anziché un Cosmetico normale?

ASSENZA TOTALE DI PETROLATI E PARAFFINE...

due ingredienti piuttosto a buon mercato in grado di rendere la texture piacevole al tatto, di non influire negativamente sulla conservazione e sulla profumazione dei cosmetici (in quanto non ossidano) e lasciare la pelle vellutata. Purtoppo l'impiego di tali sostanze provoca una riduzione della qualità del cosmetico poiché ciò che offrono è solo 'una parvenza di pelle morbida e liscia' dato che non hanno alcuna valenza trattante. Oltretutto questi ingredienti sembrano essere fra le cause primarie dell'insorgenza dell'acantosi, una malattia caratterizzata inizialmente da ispessimento cutaneo e consegguente comparsa di punti neri, comedoni e colorito grigiastro per poi evolvere in cheratosi, desquamazione, rossore e irritazione. Infatti a causa della loro struttura (chimico-fisica) i petrolati svolgono un'azione occlusiva nei confronti della pelle e dei pori non consentendo una normale traspirazione e respirazione cutanea. Questo a lungo andare può portare ai sopracitati problemi perfino su pelli inizialmente sane e di bell'aspetto. Purtroppo questo tipo di malattia, non soltanto tende ad insorgere quando vengono utilizzati sulla loro pelle cosmetici contenenti petrolati e affini, ma anche negli stessi operatori estetici che li impiegano per effettuare i trattamenti.

UTILIZZO DI MATERIE PRIME NATURALI DI GRADO COSMETICO-FARMACOLOGICO

Molti produttori sostengono di utilizzare ingredienti naturali, ma davvero pochi sono quelli che utilizzano materie prime 'verdi' totalmente purificate e con un controllo rigoroso dei sottoprodotti. La differenza, , infatti, fra il grado cosmetico-farmaceutico e il grado tecnico sta nella purezza degli ingredienti impiegati: garantita perfino nei sottoprodottidi produzione nel primo caso, pressoché dubbia - ancorché nulla - nel secondo.

Il risultato è una tollerabilità cutanea molto vicina al 100% per quanto riguarda i materiali di grado cosmetico-farmaceutico ed un fattore di rischio allergie praticamente inesistente anche nel caso di impiego su pelli molto sensibili e/o delicate. Viceversa va da sé che ingredienti non purificati (come quelli di grado tecnico) - dal costo decisamente inferiore - sono in grado di scatenare molto più facilmente il rischio di allergie e intolleranze anche nelle pelli più robuste e resistenti.

ORIGINE CERTIFICATA DELLA MATERIA PRIMA

Non tutte le cere d'api sono uguali, così come non tutti i fitoestratti di echinacea sono uguali, e si potrebbe continuare all'infinito. Prodotti come VERDEOASI o BEAUTY SALON non utilizzano la materia più conveniente ma scelgono solo la migliore, documentandosi circa la sua provenienza, i metodi di coltura o di produzione impiegati e accertandosi che lo stoccaggio e il trasporto dalla sede di produzione vengano condotti in modo da salvaguardarne proprietà ed efficacia. Una scelta 'verde' ma anche trasparente in tutti gli aspetti e passaggi.

ECOLOGICO E BIOLOGICO ossia AMBIENTE E SICUREZZA

VERDEOASI e BEAUTY SALON, da sempre attente al rispetto dell'ambiente, applica procedure produttive ad alta efficienza per evitare spreco di energia, scelgono materiali per l'imballaggio non inquinenti e soprattutto controllano accuratamente la fase di smaltimento dei rifiuti. Per queste case AMBIENTE significa priviligiare, quanto possibile, amterie prime di origine biologica e certificata. Se da una parte, infatti, le sperimentazioni eseguite nel laboratorio dell'azienda e lo studio di casi analoghi vissuti da altre case cosmetiche, hanno evidenziato che il mercato non gradisce granché il 'prodotto finito' 100% biologico, perché, per sua natura ha una texture e una profumazione spesso poco piacevoli e soprattutto ha dei costi proibitivi per il produttore che devono poi essere riversati sul consumatore, dal punto di vista delle materie prime, per oli essenziali e alcuni fitoestratti in primis, VERDEOASI e BEAUTY SALON non hanno avuto dubbi e hanno scelto bio. Infatti la plus valenza in termini  di concentrazione degli attivi, offerta dai prodotti derivati da coltivazioni biologiche o biodinamiche, ne suggerisce un impiego privilegiato per ottenere prodotti di alto valore cosmetico ed estremamente performanti.

Fashion PUCOSMECEUTICO

Nato dalla fusione fra le parole farmaco e cosmetico, questo termine rappresenta un vero e proprio fiore all'occhiello per VERDEOASI  e BEAUTY SALON. Infatti, le materie prime utilizzate per creare ogni singola referenza oltre ad essere il frutto di rigorose selezioni e test all'origine, hanno anche peculiarità chimico/fisiche che consentono loro di essere degli attivi altamente efficaci in termini di penetrabilità della barriera cutanea, andando ben oltre quello che è il raggio di azione di un semplice cosmetico.
In particolare la struttura molecolare di tali ingredienti consente ad essi di penetrare nell'epidermide così come potrebbe fare un farmaco e raggiungere la profondità del sottocutaneo esercitando dunque lì la propria azione. Quindi cosmetici efficaci come un farmaco, ma senza fastidiosi effetti collaterali di questi ultimi.

NATURALE E INNOVATIVO GRAZIE ALL'IMPIEGO DI CELLULE STAMINALI...

in grado di generare nuovi tessuti, elastici e vitali, e soprattutto capaci di stimolare le altre cellule a fare altrettanto. Le cellule staminali infatti sono strutture non ancora specializzate, per le quali cioè, non è stato ancora definito il compito preciso che assolveranno all'interno dell'organismo cui appartengono, quindi possiedono un potenziale di attività elevatissimo. Il loro pregio dunque è che possono trasformarsi e generare nuovi tessuti se inserite nell'ambiente adatto (ad esempio quello cutaneo veicolate da un apposito cosmetico). In particolare le cellule staminali vegetali, e nello specifico quelle prelevate da determinate piante, portano con sé tutta la capacità autorigenerante che è tipica di questo gruppo di esseri viventi, la loro resistenza agli sbalzi di temperatura e alle ingiurie atmosferiche. Per questo motivo VERDEOASI impiega per la sua linea cellule staminali prelevate da:

  • Mela Uttwiler Spätlauber (originaria dalla Svizzera) capace di rimanere fresca molto a lungo persino dopo la raccolta. Questa proprietà trasferita attraverso le staminali alle cellule della cute si traduce in stimolazione della creazione di collagene ed elastina a tutto vantaggio delle pelli mature e senescenti che per loro fisiologia tendono a non essere più in grado di procedere con tale rinnovamento in maniera efficiente;

  • Echinacea, una pianta resistente a climi rigidissimi e quindi adattogena per eccellenza. In questo senso, attraverso le staminali (inserite nel cosmetico) è possibile trasferire ai tessuti cutanei, soprattutto a quelli potenzialmente afflitti da cellulite, l'azione rigeneratric e rinnovatrice tipica di questa pianta e quindi prevenire la comparsa o addirittura favorire la scomparsa definitiva di questo fastidioso inestetismo.

SICUREZZA DI UTILIZZO DI UNA LINEA LE CUI REFERENZE SONO IN GRADO DI SODDISFARE TUTTE LE ESIGENZE...

in termini estetici e di benessere poiché sono il risultato di:

  • una ricerca rigorosa e sempre in continuo aggiornamento;

  • ingredienti e materie prime realmente attive e vitali in grado di trasferire fin negli strati più profondi dell'epidermide la propria vitalità ed energia rinnovatrice;

  • una mission aziendale che si pone sempre nuovi e ambiziosi traguardi in termini di qualità del prodotto e sicurezza di impiego ma anche (e non da meno) soddisfazione del cliente e sua fidelizzazione.

VERDEOASI, sempre attenta alle esigenze della propria clientela, ha sostituito in tutti i prodottti della linea l'OLIO DI SOIA con l'OLIO DI MANDORLE DOLCI garantito da spremitura a freddo. Il risultato è una pelle morbida, vellutata, perfettamente nutrita e con un piacevole e delicato profumo.

Area Clienti

Email :


Password :


Accedi



Il Tuo Carrello

  • Nessun Prodotto

Sondaggi

Qual è il tuo rimedio contro la secchezza delle mani?







Scegli e Vota

Vedi i Risultati


“Ma il cuore di certa gente non si domanda mai se valga la pena di fare tanta fatica per pompare il sangue fino al cervello?.”
- Paolo Cananzi